25 MAGGIO: GIORNATA AL MARE A BORGHETTO S. SPIRITO

“CIO’ CHE E’ ESSENZIALE INVISIBILE E’ AGLI OCCHI”

Domenica 25 maggio l’UNITALSI di Cuneo ha trascorso una giornata di condivisione a Borghetto Santo Spirito.

Puntualissimo il bus prenotato è arrivato al punto di incontro stabilito e tutti i partecipanti hanno trovato posto.

Da subito si è intuita la voglia di condividere, ancora una volta, una esperienza insieme.

Volti sorridenti, voglia di chiacchierare, commenti sul tempo: “farà sole, si sarà vento, ci lascerà passeggiare?” e poi ancora commenti sul pranzo: “il pesce sarà buono come lo scorso anno? l’antipasto sarà appetitoso? Ci sarà il dolce?”.

Piccole chiacchiere quotidiane, normali e di per sé senza storia alcuna.

Pochi chilometri dopo, appena entrati in autostrada, il gruppetto di persone sedute in fondo all’autobus cambia argomento di conversazione.

Da una borsa salta fuori un bigliettino con disegnata l’immagine de Il Piccolo Principe, personaggio uscito dalla penna di Antoine de Saint Exupèry.

Qualcuno dice: “mi ricordo, questo libro l’ho letto anni fa, quando ero ancora giovane”.

Un altro dice: “io l’ho riscoperto di recente”.

Fa capolino, allora, nella testa di un partecipante alla discussione, la frase: “ciò che è essenziale è invisibile agli occhi”.

Uno sguardo al bus, alle teste che, viste dal fondo, sbucano dai sedili: ciò che è essenziale è invisibile agli occhi…..

Quanto è vera questa frase. Apparentemente siamo saliti sul bus con un pensiero molto concreto: una passeggiata, un buon pranzo, una giornata di sole.

Nel nostro cuore però c’è una richiesta di essenziale: stare insieme, sorridere, condividere il nostro tempo, trovare qualcuno che ci ascolti, imparare noi ad ascoltare.

Questo è essenziale per noi, questo è importante, anche se è invisibile agli occhi.

Lo scopo di una giornata come questa è dare e ricevere ascolto; è non sentirsi soli nella vita; è sapere che possiamo dare e ricevere attenzione.

Tutte quelle teste che sbucano dai sedili dell’autobus non sono solo fatte di capelli, ossa e quant’altro,

Sotto ogni capello, sia esso bianco, colorato o rado, vive una persona che pensa, sogna, gioisce, soffre.

Tutto questo è invisibile agli occhi ma essenziale per ognuno di noi.

Le gite, i pellegrinaggi, i momenti formativi che l’UNITALSI organizza vogliono solo essere un modo per scoprire insieme quanto di essenziale vive in ciascuna persona.

Questo è il motivo che ci fa salire sugli autobus, sui treni o sugli aerei unitalsiani.

E’ la consapevolezza che l’essenziale è in ognuno di noi, che c’è un essenziale che ci rende davvero umani e apre la nostra umanità al grande viaggio.

Questo vogliamo scoprire insieme: il senso vero e profondo del nostro viaggiare insieme.

 

immagini nokia 064

Questa voce è stata pubblicata in cuneo. Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.